a metà




Risalgo le tue parole – ripide
Di una lettera che mi hai scritto
Anni fa, anni or sono
In un tempo in cui entrambi eravamo
Non ancora stanchi, con poca vita addosso;

Ci siamo imposti di lasciarci andare
Come bestie sguinzagliate senza una meta
E abbiamo finito per vivere
In universi lontani, in attese necessarie.

Mi scrivevi con una calligrafia insicura
E solo adesso so il perché:

Capisco che sei tu al di fuori,  
questo sole che acceca la vista
In un cielo che è una pagina bianca
Senza firma – e ti somiglia;

Capisco che sono io
Il vento che slaccia gli ormeggi
Della Ribeira lontana più in là
E libera gli approdi sicuri
Per spingere le navi al largo
Di una vita che ora viviamo

A metà.

Nessun commento:

Posta un commento